Ministero della cultura

Ricerca

Segnature
Segnatura attuale TSMS 1140A
Denominazione (dell'unità descritta)
Titolo attribuito TSMS 1140A
Data topica
Data Topica Cremona
Descrizione / Abstract / Regesto
Descrizione / Abstract / Regesto Frate Lorenzo de Olmenita, ministro dell'ospedale dei SS. Simone e Giuda, fuori la Porta Nuova di Cremona, rinuncia a favore del notaio Nicolino de Viti, procuratore di Delayto Badalino, all'investitura su due tavole di terra site dopo le case del borgo dei SS. Simone e Giuda presso il Rodano; a favore di Marchesino de Marchixi, procuratore di Mafino e Zoanne de Lago su una tavola e mezza di terra sita nello stesso luogo; e ancora, su una tavola di terra a favore rispettivamente di Andreolo Sorexina, Guglielmo di Sesto detto Boxello e Bertolino de Gabara; su due tavole di terra a favore di Lanfranco de Bonamici detto Mazio. Complessivamente sono tavole 8 e mezza di terra date in locazione a frate Zanebono ministro degli Umiliati della Casa Nuova per il fitto annuale di 24 denari e mezzo. Nello stesso giorno i suddetti Andreolo Sorexina, Guglielmo di Sesto, Bertolino di Ganbara e Lanfranco de Bonamici vendono i pezzi di terra in loro possesso allo steso frate Zanebono per la somma di 20 soldi a tavola (p. 134)
Condizioni del materiale
Condizioni del materiale Discreto
Antroponimi
intestazione Nicolinus de Vitis
Toponimi
intestazione Cremona
Riferimenti bibliografici
Riferimenti bibliografici Reg. - Le pergamene degli Umiliati di Cremona, a cura di V. D'ALESSANDRO, Palermo, U. Manfredi editore, 1964; I. CARINI, Elenco delle pergamene Cremonesi del Grande Archivio di Palermo, in "Archivio storico siciliano", 1877, 2, pp. 474-497: 482 n. 39.1. Ed. - Le pergamene degli Umiliati cit., pp. 135-139

Relazioni delle schede