Ministero della cultura

Esplora

Progetto di digitalizzazione

Patrimonio documentario

Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Denominazione
Denominazione Siena, S. Maria degli Angioli (agostiniane)
Estremi cronologici
Estremo cronologico testuale 01/01/1108 - 31/12/1697
Soggetto conservatore
Soggetto conservatore Archivio di Stato di Firenze
Strumenti di ricerca
Strumenti di ricerca Indice di Spogli di Cartapecore di diversa provenienza rimessi a questo Regio Archivio Diplomatico. S. Maria degli Angeli di Siena, n. 10
Descrizione del contentuto
Si tratta della documentazione relativa ai Canonici Regolari che nel 1434, per concessione del vescovo di Siena, ebbero in dono il Monastero di S. Maria degli Angeli fuori porta Romana, dove, fino a quel momento, avevano dimora delle religiose denominate le Picciole, le quali furono poi trasferite in città nel convento chiamato poi il Santuccio. I Canonici Regolari nel 1440 ebbero in concessione dal pontefice Eugenio IV il convento di S. Lorenzo di Civitella dell'Ardenghesca le cui carte si unirono a quelle prodotte dai Canonici. Le pergamene sono poi passate a Siena nel 1868. Cfr. ASF, Diplomatico, 'Siena, S. Maria degli Angioli detto il Santuccio'.
Storia archivistica
Versamenti || 1780, effettuato da Siena, S. Maria degli Angioli (agostiniane), unità 340; segnatura fonte Archivio Diplomatico (1778-1852), n. 154, p. 41. Testo verbale: "A dì 27 luglio 1780 dal soppresso Monastero di S. Maria degli Angeli di Siena per mezzo del Signor Luigi Pineschi, economo, sono state trasmesse n. centoottantacinque cartapecore oltre due mazzetti intit. Carte di poca importanza come apparisce dall'Indice annesso. Sono in tutte circa 340 compresi li scarti.". || Le pergamene sono state trasferite presso Archivio di Stato di Siena, sono comunque consultabili i regesti attraverso i Tomi di spoglio.

Relazioni delle schede