Ministero della cultura

Esplora

Progetto di digitalizzazione

Patrimonio documentario

Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Arezzo, SS. Flora e Lucilla (abbazia, benedettini cassinesi)

Denominazione
Denominazione Arezzo, SS. Flora e Lucilla (abbazia, benedettini cassinesi)
Estremi cronologici
Estremo cronologico testuale 01/01/884 - 31/12/1480
Soggetto conservatore
Soggetto conservatore Archivio di Stato di Firenze
Descrizione del contentuto
Descrizione del contentuto Costruito intorno al 900 sulla collina di Torrita presso l'Olmo, il grande monastero fu uno dei tre baluardi del feudalesimo ecclesiastico nel territorio aretino (gli altri due erano il Vescovado e la Canonica). Distrutto nel 1196 dal giovane Comune aretino, fu riedificato nel 1209 a ridosso della cinta muraria duegentesca che si cominciava allora a costruire. Dopo la soppressione napoleonica, la chiesa rimane parrocchia affidata al clero secolare, il monastero viene occupato dallo Stato (cfr. Angelo Tafi, Arezzo. Guida storico artistica, Arezzo 1978, pp.349-361) Si tratta dell'acquisizione, da parte dell'Archivio, di copia delle tre sinossi delle pergamene esistenti nell'Archivio della Cattedrale di Arezzo, già spettanti alla soppressa Badia delle SS. Flora e Lucilla.
Storia archivistica
Storia archivistica Le pergamene sono state trasferite presso Archivio Capitolare di Arezzo, sono comunque consultabili i regesti attraverso i Tomi di spoglio.

Relazioni delle schede