Ministero della cultura

Esplora

Progetto di digitalizzazione

Patrimonio documentario

Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Segnature
Segnatura precedente
Segnatura mazzo n. 2
Denominazione (dell'unità descritta)
Titolo attribuito ..-02-1014 - SERVITI
Estremi cronologici
Estremo cronologico testuale 01/02/1014 - 28/02/1014
Descrizione fisica
Integrazione alla descrizione Tipologia: atto || Misure: 290 x 570 mm || Supporto: pergamena || Stato: piccole lacune || Stato di conservazione: discreto || Condizione: stesa
Descrizione / Abstract / Regesto
01. Atto || Datazione (rilevata): 1 Febbraio 1014 - 28 Febbraio 1014 || Carattere: privato || Traditio: originale || Persone: || rogante: Corrado notaio || Regesto: || Conrado notaio. || Martora vedova del fu Ararduccio, col consenso di Rainerio suo figlio e mondualdo, vende a Opizio Chierico figlio del fu Ingenio parimente Chierico la metà di tre pezzi di terra che sono campi posti in Verciano, dei quali uno tiene Rufo, e confina da ambo i capi colle vie, da un lato colla terra di Tebaldo di "S. || Miniano", dall'altro colla terra che fu del quondam Gottefridi e suoi consorti, di misura staia ventiquattro e due scale e mezzo: il secondo tiene Menicuccio, e confina da un capo colla Via Pubblica, dall'altro capo colla terra e con mezza la fossa dei figli di Villano Monaco, in qualche parte colla terra e con metà della Fossa di S. Pantaleone, da un lato con la terra e metà della fossa che fu del soprascritto Gottifredo e suoi consorti e in piccola parte con la terra e metà della fossa di S. Pantaleone suddetto, di misura staia 27 e un quarto. Il terzo pezzo di terra posto luogo detto "Debia" confina da un capo colla terra di S. || Quirico, dall'altro capo colla terra che fu già del quondam Leone Giudice, da un lato colla terra e con metà della fossa che fu dei figli del quondam Bonone, e dall'altro lato. . . . di misura staia quattordici. Si riserva però per sè due staia e tre terzi che diachiara di non comprendere nella vendita etc. Questa vendita fa per il merito d'un anello d'oro di valore soldi cento quaranta. || Ugo notaio, Malatasca figlio d'Adamaro, Ciucchimanno di Ranieri testimoni.

Relazioni delle schede